PROGETTO DI PREVENZIONE SottoSotto

PROGETTO DI PREVENZIONE SottoSotto

Il Centro per la Famiglia, nella primavera 2017, ha attivato in tre istituti superiori del territorio provinciale il progetto “SottoSotto” coinvolgendo i ragazzi neopatentati o neopatentabili nell’ideazione e nella creazione di un sottobicchiere il cui tema è la sensibilizzazione nei confronti dei rischi legati all’uso di alcol al volante.
Gli operatori di Alternativa A… che hanno seguito il progetto sono stati tre psicologi che collaborano stabilmente con Casa don Gianni – Roberto Fantone, Claudio Maulini e Mauro Vassura; un ruolo estremamente importante è stato ricoperto da tre genitori del gruppo di auto aiuto “Genitori per Sempre” – Rosella Bona Incerto, Luciano Giroldini con Mattia, e Tina Zavettieri con Alessia; il progetto ha coinvolto gli alunni delle quarte A Grafica e Comunicazione dell’istituto Ferrini Franzosini di Verbania, le quarte A e B del Liceo Gobetti di Omegna, sezione Liceo Artistico, e la quarta C del Liceo Scientifico di Domodossola.
Nell’era dei social network si è amplificata la caratteristica che vuole i giovani non più e non solo consumatori di prodotti culturali ma produttori essi stessi. Meglio, contemporaneamente produttori e consumatori, prosumer con un felice neologismo coniato recentemente: attivi costruttori della realtà che circonda, a partire dalla realtà digitale.
Proprio per questo, una delle idee che ha guidato questa progettazione è rappresentata dalla volontà di mantenere un saldo ancoraggio con i giovani, a partire dalla ricerca del protagonismo attivo in questa campagna.
Il progetto è stato impostato in base al principio di “ecologicità” che prevede l’ideazione di materiale da parte di appartenenti allo stesso target cui il progetto si rivolge, contenendo in questo modo i rischi di produrre “messaggi” non sentiti dal target, adultocentrici o calati dall’alto.
SottoSotto ha previsto un incontro di sensibilizzazione curato dallo psicologo con la collaborazione dei genitori che hanno perso un figlio a causa di un incidente stradale, una supervisione dello psicologo sull’ideazione di sottobicchieri originali, un concorso con la premiazione dei sottobicchieri più espressivi per una campagna di prevenzione, curata dal gruppo dei Genitori per Sempre, da realizzarsi in autunno nei locali di riferimento della provincia.
Dalla scuola è stato però necessario raggiungere rapidamente il mondo del tempo libero giovanile e per garantire la massima ampiezza all’iniziativa, i sottobicchieri selezionati dal media educator Dott. Michele Marangi sono stati premiati il 1° giugno a Voobstock: il festival della musica e dell’arte, organizzato da Associazioni a Distinguere e 21 marzo, due realtà che promuovono principi di aggregazione, confronto e valorizzazione delle realtà giovanili, musicali e culturali del territorio.
Lavorare con gli adolescenti a scuola è sempre un’esperienza ricca (e arricchente…) quanto complessa, nella misura in cui ci si confronta con le diverse logiche del sistema formativo: in questo caso però gli operatori sottolineano la grande disponibilità palesata dai dirigenti interpellati e successivamente il lavoro prezioso dei docenti referenti che, aderendo convinti all’iniziativa, hanno accompagnato le classi verso l’impegnativo obiettivo finale.

Sottobicchieri premiati

Christian Dieni – 4CS Liceo Spezia

Paula Tymchuk – 4a A Grafica e Comunicazione

Aurora Sergi – 4a A Grafica e Comunicazione

Davide Martignoni – 4a A Grafica e Comunicazione

Jacopo Forni – 4a AR Liceo Artistico